UN RISCONTRO IMMEDIATO
064468590 / 329 3806530

siti-swmTop
Pubblicato: 24 Febbraio 2015 - Categoria: Web Marketing

Sicuramente saprai già cos’è una campagna Pay Per Click e come andrebbe sviluppata, magari grazie all’aiuto di Google AdWords. Del resto non è sicuramente un’operazione complicata, visto che Google l’ha resa facilmente realizzabile con una manciata di "click" (tanto per restare in tema).

Proprio così: in poche mosse la tua azienda potrebbe andare incontro al vero successo digitale. Attento, però, a non cantar vittoria troppo presto: il web marketing cela anche numerose insidie ed è facile commettere errori specialmente le prime volte.

Probabilmente ti sarà già capitato, se hai già lanciato campagne PPC in precedenza, di domandarti se ciò aumentasse realmente gli introiti e se ciò che avevi speso avrebbe fruttato il giusto.

google pay per click marketing per piccole imprese

 

Bene, ecco allora questo elenco degli errori più comuni relativi al lancio di una campagna PPC di una piccola azienda:

Errore n° 1: Non personalizzare le impostazioni di default di Google

Google mette a disposizione degli utenti un servizio impeccabile sotto molti punti di vista, ma ciò non significa che ogni cosa di Google sia perfetta o insindacabile: ad esempio, bisognerebbe fare attenzione ai valori impostati di default perché massimizzano i profitti di Google, e non è detto che massimizzino anche i tuoi. Personalizza quindi le impostazioni e decidile su misura della tua azienda.

Errore n° 2: Non definire un target

Puoi spendere tutti i soldi che vuoi, ma se non definisci un target ben preciso a cui sottoporre la campagna PPC questa avrà davvero poco senso di esistere. Stai quindi bene attento a non lasciarti trascinare troppo dalla PPCmania perché l’obiettivo rimane quello di massimizzare i ricavi prodotti dalla PPC.

Errore n° 3: Non personalizzare l’opzione “Rete di Contenuti”

Un errore molto comune è quello di non rendersi conto che la Rete di Contenuti non è uguale per tutti e per tutte le campagne PPC, ne consegue che risulta un’opzione da riconsiderare di volta in volta in base alle esigenze specifiche della nostra azienda.

Errore n° 4: Sottoporre la campagna ad un target geografico  troppo ampio

È molto importante definire con una certa sicurezza l’ambito o gli ambiti geografici che potrebbero far fruttare maggiormente gli affari della tua azienda. Anche nell’eventualità che la tua azienda spedisca i suoi prodotti in tutto il mondo non sarebbe giustificabile impostare un target geografico esageratamente ampio perché risulterebbe immancabilmente dispersivo: non dimenticare quindi di incentrare la tua campagna nella zona geografica più idonea che possa realmente convertire i click in vendite reali.

Errore n° 5 Definire un target geografico troppo ristretto

Errore sicuramente più raro del precedente, spesso commesso da aziende locali (tintorie, veterinari ecc) site in piccole realtà che vendono i propri prodotti (o servizi) soltanto nella propria provincia e zone limitrofe. È comunque sconsigliabile fissare come zone di destinazione raggi geografici inferiori a 16 km

Errore n° 6 Lanciare una campagna con un account strutturato in maniera complicata

Più complicata sarà la struttura dell’account più sarà difficile determinare cosa stia andando bene nella campagna e cosa no.

Errore n° 7 Utilizzare un solo account o un unico budget per una campagna 

Tuttavia anche una semplificazione estrema può costituire un problema. Impostando più di una campagna potrai infatti aggiungere diversi targeting geografici con budget giornaliero diverso e diversificare le parole chiave che rendono meno. Creare più campagne ti permetterà di migliorare le spese e quindi il ROI (ritorno d'investimento).

Errore n°8 Non impostare sufficienti gruppi di annunci

Occorre fare una selezione accurata delle parole chiave da utilizzare e suddividerle in gruppi, per i quali poi realizzare annunci su misura.

Errore n°9 Non scrivere abbastanza annunci per i diversi gruppi

È assolutamente necessario abbondare negli annunci per riuscire a canalizzare più potenziali clienti

Errore n°10 Non invitare chiaramente all’azione negli annunci

È un fattore psicologico: se inserirai dei chiari inviti (ad esempio a visualizzare l’offerta) produrrai maggiori risultati.

Errore n°11 Non rivalutare le proprie strategie

Errore purtroppo alla portata di molti, è proprio quello di non rimettere in discussione le proprie strategie una volta che queste hanno avuto successo. Ebbene, questo è molto rischioso: il mercato cresce rapidamente ed è sottoposto a continue mutazioni: occorre adeguarsi, per mantenere sempre vivo il gioco.

Errore n° 12 Considerare il numero di click il fattore più importante

Inutile dire che bisogna concentrarsi sui veri risultati, per ottenerli, e l’obiettivo primario deve comunque rimanere quello di attirare nuovi clienti, per ottenere vendite e NON click!

 

 



GUARDA I NOSTRI LAVORI PORTFOLIO Nel nostro portfolio puoi trovare semplici siti in HTML o portalied ecommerce realizzati in Joomla!.

GUARDA ORA
Attisani Macchine Edili

Attisani Macchine Edili

The Village Roma

The Village Roma

Reconsult S.p.a.

Reconsult S.p.a.

Marida Caterini

Marida Caterini

Bix sas - Servizi Web Marketing Bix sas - Servizi Web Marketing Copyright © 2017 Bix sas PIVA/CF 06329511007 - All rights reserved

Ci occupiamo di Servizi Web & Marketing a Roma, attraverso la realizzazione di Siti Internet belli ed efficaci per qualsiasi esigenza e prezzo, siamo esperti nel posizionamento sui motori di ricerca in cui vantiamo numerosi casi di successo, realizziamo campagne Pay per Click (AdWords) con alti ritorni sull'investimento.
Indirizzo: Via degli Etruschi, 16 00185 Roma, IT - Telefono: 064468590
Bix sas - Servizi Web Marketing