UN RISCONTRO IMMEDIATO
064468590 / 329 3806530

siti-swmTop
Pubblicato: 05 Gennaio 2021 - Categoria: SEO

La verità è questa: se non imposti il blog come si deve, nessuno arriverà alla fine del tuo post. Quindi come strutturare i post del blog per i motori di ricerca e per i lettori?

post del blog

Molti sono coloro che cominciano a scrivere ma che, quasi inaspettatamente, si accorgono degli scarsi risultati ottenuti.

Spesso si finisce a scrivere testi lunghi e prolissi senza struttura e, soprattutto, senza avere le idee chiare sul da farsi.

Naturalmente, non è solo la struttura ben impostata che porta verso buoni risultati, ma è senz’altro uno dei punti chiave se si vuol dare un senso ai nostri post.

Come strutturare i post del blog

Tutti possono fare un blog oggigiorno, ma oltre a scrivere bene i contenuti hai bisogno di qualcosa in più.

La tua struttura dev’essere a regola d’arte sia per i lettori che per i motori di ricerca. Vediamo di seguito come fare per strutturare il tutto nel migliore dei modi.

Primo step: Introduzione

L’introduzione è la parte più importante di un post del blog. È in questa parte del post che dovrai attrarre l’attenzione dei lettori.

Il tuo obiettivo dovrà essere quello di catturare gli utenti sin da subito e fargli capire immediatamente chi sei.

Se avrai scelto il giusto tono, il giusto stile e le giuste cose da dire, il tuo pubblico sceglierà il tuo blog rispetto alla concorrenza.

In pratica, dovrai scrivere un’introduzione “catchy” che allo stesso tempo induca a continuare la lettura.

Ma cosa scrivere quindi? Si può partire condividendo un’esperienza personale, così che il lettore si immedesimi e si interessi nell’esperienza veritiera che hai vissuto. Questa è la chiave per creare relazioni a lungo termine con il tuo pubblico.

Un’altra buona idea è quella di mettersi a disposizione per risolvere problemi. Il tuo post del blog dovrà specificare da subito di essere la vera soluzione al problema.

Inoltre, condividere alcune statistiche nell'introduzione può essere una prova che ciò che stai scrivendo è un esempio palese messo nero su bianco. Inserisci immagini attraenti, gif e anche video, se pensi sia il caso.

Ricordati di non essere prolisso. L’attenzione di un lettore è di pochi secondi e la devi catturare subito con frasi brevi e coincise.

Secondo Step: Contenuto

Arrivati alla scrittura del vero contenuto, ricordati sempre di una cosa: non scrivere troppo! Lo ripeteremo all’infinito che essere prolissi sui blog (o comunque sul 99% dei blog esistenti) fuorvia i lettori e basta.

Può essere utile scrivere in primis dei piccoli sottotitoli, così da aver già chiaro come si andrà a suddividere il centro dell’articolo.

I tre punti principlai sono introduzione, corpo e conclusione. Il corpo potrà essere poi spezzato in altre piccole parti. Tutto dipende da ciò che si vuole dire e soprattutto quanto si ha da dire.

Iniziare dal corpo dell'articolo è di grande aiuto. L’introduzione e la conclusione saranno più semplici da scrivere se prima abbiamo creato il contenuto vero e proprio.

Usare titoli e sottotitoli

Inserire titoli e sottotitoli (tecnicamente parlando, gli heading) è fondamentale. Gli heading permettono di attirare la (poca) attenzione del lettore medio.

L’attenzione media sul web non va mai oltre i 10 secondi (che poi è praticamente la stessa soglia d’attenzione di un pesce rosso..).

Prima di tirare l’esca dovrai quindi inserire titoli e sottotitoli efficaci che permettano di rendere la lettura leggera e scorrevole.

Inoltre, i sottotitoli sono ottimi per aggiungere e dare più corpo alle tue parole chiave.

Scrivere paragrafi corti

I paragrafi lunghi non sono fatti per un blog. Sprazzi di testo corti di una/due/tre righe sono ottimi.

Da notare che i paragrafi sono ancora più lunghi sugli smartphone e, come potrete dedurre, non bisogna scrivere troppo!

Fai sentire la tua voce

Qualunque cosa scriverai, molto probabilmente sarà già stata scritta da tantissimi altri blog.

Quindi come far sentire la propria voce? La tua USP è di tua responsabilità e di nessun altro.

La tua opinione, la tua voce, la tua esperienza sono ciò che ti permetteranno di contraddistinguerti dagli altri.

Naturalmente, se hai poca esperienza avrai poco da dire, o perlomeno sarà difficile creare contenuti carichi di energia e di vita vissuta. Dovrai farti le ossa con il tempo, scrivendo, scrivendo e scrivendo.

Non fare l’errore di copiare o prendere frasi già dette da altri. Deve venire fuori qualcosa di originale da ciò che scrivi.

Determinare la giusta lunghezza dei post

Ripetiamo insieme: non bisogna essere prolissi!

Molti imprenditori digitali che hanno avuto successo sul web specificano che i post più efficaci solitamente rientrano tra le 1000 e le 2000 parole.

Se poi sorpassi queste cifre (oppure stai sotto le 1000 parole), non c’è problema. Fin quando pensi che tu ti debba esprimere con pochissime parole o con un po’ di più di quanto raccomandato, non ti devi preoccupare.

Tuttavia, a Google piacciono i contenuti lunghi e se hanno la giusta lunghezza e la struttura è funzionale come spiegato precedentemente il gioco è fatto, in quanto il lettore permanerà sul sito più a lungo.

Cerca quindi di capire qual è la lunghezza di testo migliore per ciò che vuoi esprimere.

Terzo Step: Conclusione

Nonostante il tuo duro lavoro, ci saranno comunque quelli che salteranno subito alla conclusione (tipo i tipici lettori che si distinguono dagli altri con il fatidico commento “Too long; Didn’t Read”, spesso abbreviato in TL;DR).

È quindi importante fare un riassunto dei punti chiave esposti nell’articolo, in modo che si vada scremare tutto ciò che si è detto.

Allo stesso tempo, è altrettanto importante inlcudere le famigerate Call To Action!

Questo perché chi leggerà fino in fondo, molto probabilmente sarà veramente interessato a ciò che proponi. Probabile che vada ad iscriversi alla newsletter, o che acquisti un prodotto.

Insomma, non puoi dimenticarti della ciliegina sulla torta dopo averla preparata! Inserisci la CTA e chiudi l’articolo nel migliore dei modi.

Da notare che basta una (o anche due) Call To Action per stuzzicare il lettore. Troppe Call To Action saranno eccessivamente pesanti, non esagerare!

Quarto Step: Ora tocca a te!

Trovare la struttura funzionale per un post del blog non è così semplice.

Tuttavia, con la pratica si smusseranno gli angoli man mano. Considera introduzione, corpo e conclusione come i tre grandi contenitori da riempire.

Per capire a fondo come funziona il meccanismo ci vuole semplicemente una cosa: la pratica.

Ci sono punti ben precisi da seguire e da non dimenticarsi mai per ottimizzare i post del blog per i motori di ricerca e per i lettori. Detto questo, ora tocca a te! Scrivi e crea il migliore post per blog che puoi!



GUARDA I NOSTRI LAVORI PORTFOLIO Nel nostro portfolio puoi trovare semplici siti in HTML o portalied ecommerce realizzati in Joomla!.

GUARDA ORA
Attisani Macchine Edili

Attisani Macchine Edili

The Village Roma

The Village Roma

Reconsult S.p.a.

Reconsult S.p.a.

Marida Caterini

Marida Caterini

Bix sas - Servizi Web Marketing Bix Servizi Web Marketing Srls Copyright © 2021 Bix Servizi Web Marketing Srls - PIVA/C.F. 14446471006 - All rights reserved

Ci occupiamo di Servizi Web & Marketing a Roma, attraverso la realizzazione di Siti Internet belli ed efficaci per qualsiasi esigenza e prezzo, siamo esperti nel posizionamento sui motori di ricerca in cui vantiamo numerosi casi di successo, realizziamo campagne Pay per Click (AdWords) con alti ritorni sull'investimento.
Indirizzo: Via degli Etruschi, 16 00185 Roma, IT - Telefono: 064468590
Bix sas - Servizi Web Marketing